Newton Compton, prossimamente altri volumi a 99 centesimi!

375Rilasciati i titoli di altri 12 volumi che saranno pubblicati nella collana Live, la collana anti-crisi a 99 centesimi, della Newton Compton. Dal 18 luglio saranno disponibili in tutte le librerie!

Ecco i titoli:

  1. Niccolò Machiavelli – Il principe
  2. Daniela Farnese – Piccole bugie tra amiche*
  3. Lorenza Ghinelli – Sogni di sangue
  4. Wilhelm Friedrich Nietzsche – L’Anticristo
  5. Giovanni Verga – Storia di una capinera
  6. Alexandre Dumas – La signora delle camelie
  7. Buddha – I quattro pilastri della saggezza
  8. Voltaire – Candido
  9. Nathaniel Hawthorne – La lettera scarlatta
  10. Joseph Conrad – Cuore di tenebra
  11. Charles Darwin – L’origine delle specie
  12. Arthur Schopenhauer – L’arte di ottenere ragione

*ERRATA CORRIGE: Questo libro non fa parte dei titoli che verranno rilasciati, al suo posto ci sarà: L’Amicizia di Marco Tullio Cicerone

Fonte: Newton Compton

Francesca Ciccaglione

Recensione: Il diario del vampiro. Il risveglio

Oggi recensirò un altro dei libri editi nella collana Live, i volumi a 99 centesimi, della Newton Compton: “Il Diario del Vampiro. Il risveglio” di Lisa Jane Smith. Questo romanzo è il primo di una lunga serie dedicata ad Elena e ai due fratelli vampiri, Stefan e Damon, e ha ispirato il celebre telefilm americano “The Vampire Diaries”.

La protagonista del libro è Elena Gilbert, una ragazza d’oro, bella, brillante e popolare. All’inizio dell’anno scolastico lascia il suo fidanzato storico, Matt, e nei corridoi di scuola incontra il tenebroso, Stefan, un nuovo studente. Elena è inevitabilmente attratta da Stefan, nonostante lui sia reticente nel perseguire una relazione con la ragazza a causa del suo segreto. Elena scopre il motivo della reticenza di Stefan, il suo essere un vampiro centenario. Mentre i due si innamorano, strani attacchi cominciano ad avvenire in città. E un affascinante sconosciuto comincia ad apparire ad Elena.

Per chi non ha ancora visto la serie, questo libro potrebbe rivelarsi molto avvincente grazie allo stile scorrevole della Smith e alla trama interessante e avvincente. Il problema sorge per coloro che, come me, hanno già visto la serie televisiva. Leggere il libro sarà allo stesso tempo deludente e piacevole, molti potrebbero apprezzare le differenze dalla serie che lo rendono più godibile (non sapendo già cosa succede prima che succeda) ma alcuni potrebbero rimanerne delusi perché la trama del libro comincia a divergere dal telefilm già dalle prime pagine. I personaggi sono gli stessi, hanno gli stessi nomi ma spesso hanno un aspetto fisico diverso e alcune volte anche un carattere diverso. Ad esempio l’Elena del libro è descritta come una bella ragazza, bionda con gli occhi azzurri, ed è lei a cercare di conquistare Stefan a tutti i costi. E’ una ragazza abituata ad ottenere tutto quello che vuole, molto diversa dall’Elena che appare nelle prime puntate della serie televisiva. Personalmente trovo l’adattamento televisivo nettamente superiore ai libri. I personaggi sono descritti in modo più profondo e, man mano che la storia prosegue, la trama si rivela più avvincente e realistica, soprattutto nello sviluppo dei personaggi.

Voto: 3/5

Per saperne di più su tutti i libri della serie de “Il diario del vampiro”, cliccare QUI.

Ed ecco il trailer della serie tv:

Francesca Ciccaglione

Recensione: Il Tiranno di Roma

Oggi recensisco per voi il romanzo breve “Il Tiranno di Roma” di Andrea Frediani, edito dalla Newton Compton e parte della collana Live, i libri economici a 99 centesimi.

La vita di Crisso, schiavo fin da bambino, viene sconvolta dall’arrivo, nel latifondo in cui lavora, di Gaio Mario, il vecchio condottiero tornato dall’esilio cui l’ha costretto Silla. Mario lo arruola tra le sue celebri e sanguinarie guardie del corpo, promettendogli la libertà se lo aiuterà nell’impresa di riconquistare Roma e raggiungere il suo settimo consolato. Crisso aderisce entusiasta e partecipa all’assedio dell’Urbe, che si sviluppa per un’intera estate tra battaglie, pestilenze e blocchi dei rifornimenti. Ma all’interno della città assediata il senato è convinto a resistere dal console Gaio Ottavio, tenace sostenitore dell’ordine costituito, determinato e coraggioso. La sua schiava domestica, Giunilla, lo ammira e lo sostiene fino in fondo, ma alla fine gli assediati devono cedere e permettere l’ingresso di Mario in città, cui seguono giorni di terrore, di stragi e vendette. I destini di Crisso e Giunilla si intrecciano in una spirale sempre più drammatica, che determinerà un nuovo futuro per il giovane schiavo. Uno degli episodi più intensi della storia di Roma e delle guerre civili, riletto attraverso gli occhi di due schiavi arruolati nelle opposte fazioni.

Questo non è il primo romanzo di Frediani che leggo e, nonostante non ami particolarmente il suo stile, è un buon narratore. In questo romanzo però la narrazione è carente e fredda. In un romanzo di 120 pagine non ci si possono aspettare grandi dialoghi né descrizioni dettagliate ma si poteva fare certamente di più. La storia scorre in modo meccanico, privo di qualsiasi emozione. La storia d’amore tra Crisso e Giunilla, che sarebbe potuta essere l’asse portante del libro, viene liquidata in poche righe. Anche il rapporto tra Crisso e Mario viene esplorato in modo molto superficiale. Tutto ciò rende molto difficile empatizzare con il protagonista ed entrare pienamente nel racconto. Consiglio questo libro a coloro che vogliono passare un paio d’ore di relax leggendo un libro senza pretese né meriti all’esiguo prezzo di 99 centesimi.

Voto: 2/5

Francesca Ciccaglione