Dimmi cosa leggi e ti dirò dove andare!

Dimmi cosa leggi e ti dirò dove andare: in viaggio con i libri

Se siete appassionati di Harry Potter la vostra destinazione è sicuramente The Wizarding World of Harry Potter, un parco divertimenti a tema, inserito nel contesto degli Universal Studios di Orlando, in Florida.  Le attrazioni principali sono:

– Harry Potter and the Forbidden Journey: una replica del castello di Hogwarts, in cui è possibile interagire con i personaggi;

– Dragon Challenge: doppio roller coaster, composto da due dragoni sui binari;

– Flight of the Hippogriff: montagna russa per famiglia in stile Harry Potter.

In più, naturalmente, spettacoli, negozi e tante altre magiche cose simili. Il prezzo per l’accesso a uno dei 7 parchi Universal è di 82 dollari; a tutti i parchi per un giorno, 112 dollari; a tutti i parchi per tre giorni, 145 dollari.

Oppure potrete fare una capatina al parco a tema londinese The Making of Harry Potter, una nuova attrazione targata Warner Bros dedicata al maghetto occhialuto e che si trova a Leavesden, sobborgo di Watford, a circa 20 minuti da Londra. Vi troverete tutti i set originali degli otto film e una riproduzione di Hogwarts. La visita dura tre ore, durante le quali avrete accesso al dormitorio di Grifondoro, alla sala grande, allo studio di Silente, senza dimenticare la strada dello shopping, Diagon Alley, dove potrete acquistare bacchette e pozioni.

LO HOBBIT:

Se siete appassionati/malati/fissati del Signore degli anelli, la vostra meta è senza dubbio la Nuova Zelanda: a Queenstown, isola del sud della Nuova Zelanda, pare che Peter Jackson abbia girato la maggior parte delle scene del film Lo Hobbit. A nord, invece, troverete le tipiche casette hobbitiane ricavate nelle colline del villaggio Matamata. Non può mancare la visita alle tenebre di Mordor, cioè ai vulcani del Tongariro National Park. Al Weta Cave Museum, a quattro ore d’auto dal parco nazionale di Wellington, il museo dove troverete gli studi cinematografici della saga ispirata alle opere di Tolkien. E poi, ad Harcourt park, il regno di Saruman e al Kaitoke Regional Park, quello degli elfi. Decine di tour operator del posto potranno offrirvi il giro turistico che più si adatta alle vostre necessità e, all’aeroporto, potreste essere accolti con un cartello con su scritto “Benvenuti nella terra di mezzo”.

Visitate il sito www.tourismnewzealand.com per maggiori informazioni.

ORGOGLIO E PREGIUDIZIO:

Se siete appassionati di Pride and Prejudice di Jane Austen, romanzo d’epoca vittoriana che quest’anno spegne duecento candeline, ecco la vostra meta ideale: a Bath, città natale della Austen, ogni anno si celebra il Netherfield Ball, ballo in costume che rievoca le danze descritte dalla scrittrice inglese. Potrete volteggiare nel salone come Keira Knightley e Matthew Macfadyen nel film del 2005, vi basterà noleggiare un costume e acquistare il biglietto per 65€. Il locale ufficio del turismo offre, inoltre, una versione audio e una in mp3 del Walking Tour sulle tracce dell’autrice e un’app con foto e contenuti multimediali da scaricare sullo smartphone. ASydney Place, al numero 4, c’è l’appartamento abitato dagli Austen e al Jane Austen Centre alcune mostre a tema. Non dimenticate il tè pomeridiano alla Regency Tea Room, ultimo piano, e un giro tra gli scaffali della boutique a tema (alle ragazze consiglio le magliette I love Mr. Darcy). Per finire, dal 13 al 21 settembre, il Jane Austen Festival dilaga fra le strade di Bath (quest’anno era dedicato proprio a Orgoglio e Pregiudizio).

Per ulteriori informazioni, visitate i siti visitbath.co.uk e janeausten.co.uk.

SHERLOCK HOLMES:

Non tutti sanno che al 221B di Baker St., a Londra, si trova effettivamente la casa del celebre investigatore. Non aspettatevi chiassà quale maestosa struttura: si tratta di una semplice casetta su tre piani, viva, calda, che pare quasi abitata da un fantasma. Mi spiego meglio: bussate al portoncino nero lucido e aspettate pochi secondi. Una cordiale cameriera in tenuta da fine XIX secolo vi sorriderà e vi chiederà se state cercando il Signor Holmes (ovviamente in inglese).

“Sono davvero spiacente, ma il Signor Holmes non è in casa, se lo desidera, può aspettarlo in salotto”.

Senza volerlo, vi calerete completamente nella parte e vi verrà da pensare “Oh, cielo! Che disdetta! Attenderò il mio ospite in casa”.

Accomodatevi.

In salotto, troverete la poltrona di Sherlock e i suoi celebri accessori, il cappello e la pipa, proprio come descritti dalla penna di Conan Doyle. Fiondatevi sulla seduta davanti al caminetto e indossate il cappello, avvicinando la pipa alla bocca (se non vi fa schifo, potete anche fingere di fumare). Passate poi alla sala da pranzo, allo studio e alla camera da letto e avrete la sensazione che, effettivamente, il padrone di casa sia appena uscito. Ammirerete anche diverse statue di cera che riproducono i personaggi dei famosi gialli. Un po’ tristi, a dire il vero, ma tutto fa brodo. Per concludere, potrete acquistare qualche souvenir nello shop a tema, subito adiacente.

Elementare Watson!

www.sherlock-holmes.co.uk

 

 

Fonte: MyGeneration

 

Francesca Ciccaglione

Annunci

Come sono cambiati i gusti dei lettori negli ultimi 20 anni

Dai libri agli ebook, Usa Today riporta i cambiamenti nelle abitudini di lettura analizzando i best seller pubblicati negli ultimi 20 anni


MILANO – Come sono cambiate le abitudini dei lettori nel corso degli ultimi 20 anni? Cosa si legge oggi, cosa non è più di moda? Usa Today ha iniziato a stilare la sua lista dei libri più venduti due decadi fa – nell’ottobre 1993 – e da allora è passata molta acqua sotto i ponti. Ma proprio analizzando questi elenchi di best-seller è possibile tirare le somme e capire cosa, in termini di tendenze, ha caratterizzato le nostre letture nei diversi periodi.

I manuali di auto-aiuto (1993-1998) – In questo periodo erano di gran tendenza i libri di auto-aiuto e i manuali in genere. I libri si vendevano soprattutto nei negozi fisici. Con il passare del tempo questo genere ha perso seguito. Oggi chi comprerebbe mai un libro con consigli su come scrivere un best-seller o costruire un armadio, quando si possono trovare gratuitamente istruzioni, racconti e commenti su Internet? Basta consultare la classifica dei libri più venduti per avere conferma di questo declino. Nella lista di questo periodo, ben 9 libri su 25 appartenevano al genere. In quella dal 2009 ad oggi non ne compare nemmeno uno.

La rivoluzione della Rowling (1999-2008) – La “magia” più grande riuscita a J. K. Rowling è stata quella di abbattere i pregiudizi legati ai libri per bambini. Prima dell’avvento di “Harry Potter” si diceva che questi libri avessero un mercato ridotto, poche possibilità di imporsi al grande pubblico. Per dare l’idea di quanto la saga della Rowling abbia cambiato le cose basterà un dato: tra i 25 libri più diffusi nel periodo 1993-1998, solo uno era “per bambini”. Tra quelli dal 2009 ad oggi sono ben 11 quelli appartenenti a questo genere (e tra questi ci sono serie come Hunger Games della Collins, Twilight di Stephenie Meyer e ovviamente Harry Potter).
Oltre alla diffusione dei libri cosiddetti per l’infanzia, questo è stato anche il periodo in cui le vendite on-line hanno iniziato a salire.

La rivincita della narrativa… e il boom degli e-book (2009-) – Nel 1998, solo il 56% dei libri nella lista settimanale dei 150 più venduti apparteneva al genere narrativa. Da allora questo numero non ha fatto che salire, passando al 68% nel 2002, al 77% nel 2010 e toccando quota 81% quest’anno. La classifica dei best-seller non può non registrare il successo che ha riscosso la cosiddetta “letteratura erotica” nell’ultimo periodo. Sulla scia della trilogia delle “50 sfumature” di E. L. James sono fiorite decine di libri legati a questo filone. Dal 2009 ad oggi si sono diffusi in maniera massiccia dispositivi digitali per la lettura ed e-book. I libri cartacei non rappresentano più la fetta principale del mercato.

 

Fonte: Libreriamo

Giulia Gentili

Is 21-year-old Samantha Shannon the new J.K. Rowling?

The next J.K. Rowling? Samantha Shannon has been tipped as the new J.K. Rowling after her book, The Bone Season, was snapped up by Bloomsbury publishing

J.K. Rowling’s Harry Potter series made her the world’s most famous author, won her multiple awards, sold more than 400 million copies and were the basis for a series of films which became the highest-grossing in history.

And now, a 21-year-old author looks set to give the famed author a run for her money.

Samantha Shannon has penned a 480-page novel, The Bone Season, for which Bloomsbury publishing house – who published Harry Potter – has paid in excess of £100,000.

And that’s not all. The Bone Season is just the first in a seven-book series and the film rights have already been snapped up by the actor Andy Serkis’s company, The Imaginarium. Serkis is best known for playing Gollum in the Lord of the Rings films.

The self-proclaimed ‘geek’ told The Telegraph that she’s an avid fan of all things sci-fi and explained that she has always been a shy person who used writing as a way of withdrawing into her own imagination.

But, as with any great success story, there have been a few failures and disappointments along the way. She revealed that she spent as many as 15 hours a day glued to her computer writing her first novel, Aurora. But her 200,000 word manuscript was rejected by numerous publishing houses.

‘I felt terribly embarrassed for a start, because I’d told all my friends that I was writing this book. When they asked what had happened I had to say something about putting in on the back burner. ‘I just couldn’t see the point anymore. But the trouble was that not writing left this weird space in my life,’ she said.

Not one to give up, she began work on The Bone Season, which centres on 19-year-old clairvoyant, Paige Mahoney, who is employed by a criminal underworld to break into people’s minds and delve into their secrets.

Speaking about writing the book, she told MailOnline: ‘I was mostly an indoor girl at university. Where other students did drama or music or sport alongside their degrees, I wrote. I used to work on essays and classwork during the day and The Bone Season in the evenings.’

And it looks like her hard work and commitment paid off.

The next J.K. Rowling? Samantha Shannon has been tipped as the new J.K. Rowling after her book, The Bone Season, was snapped up by Bloomsbury publishing

After receiving compliments by lecturers who read her book at Oxford University – where she has just gained a 2.1 degree in English – she decided to send the manuscript to the only literary agent she knew: David Godwin, where she had completed a few weeks work experience over the summer. She was shocked to learn that he and his whole office loved her work and within weeks the book had been snapped up by Bloomsbury.

The Bone Season, which is set to be published in Britain on 20 August, has seen rights sold in 20 countries already.

Speaking about her overnight success, the budding author said: ‘It’s been overwhelming, to say the least. I’m a young, unknown author and there’s a lot of anticipation to live up to. ‘Having said that, it’s been great to have so much early interest in The Bone Season and I’m very grateful to reviewers and publications for spreading the word about it. ‘When I went to New York, all these people were asking me to sign advance copies of the book. ‘That was when I really felt like an author for the first time.’

However, the young author finds comparisons to J.K. Rowling harder to come to terms with. ‘That has been stressful because I love and respect J.K. Rowling’s work so much. Whenever anyone calls me the new J. K. Rowling I think, “What’s wrong with the old one?” And anyway, I think that anyone who reads my book will see that it is totally different,’ she said.

Her advice for budding writers? ‘Be open to constructive criticism, don’t be afraid to start again, and whatever you do, don’t give up at the first hurdle.’ It certainly looks like it paid off for her.

 

CLICK HERE TO READ AN EXTRACT FROM THE BONE SEASON!!

 

Source: Daily Mail

Giulia Gentili

JK Rowling pubblica un nuovo romanzo sotto pseudonimo

rowling-420x0

L’autrice di Harry Potter, la scrittrice inglese J.K.Rowling, ha scritto ‘in segreto’, e con lo pseudonimo maschile di Robert Galbraith, un romanzo poliziesco che ha anche ottenuto ottimi riconoscimenti dalla critica.

A svelarlo è il Sunday Times. Il libro, dal titolo ‘Cuckoo’s calling’, è uscito ad aprile e poco dopo è stato segnalato da più parti come un ”debutto degno di nota” per Robert Galbraith, facendo del romanzo un piccolo caso nell’ambiente letterario. La trama è abbastanza classica: il protagonista è Comoran Strike, un ex militare veterano dell’Afghanistan dove è anche rimasto ferito che diventa investigatore privato e si ritrova a indagare sull’omicidio di una modella. Era balzato agli occhi dei critici tuttavia lo stile nella scrittura e in particolare era stata notata una certa insolita capacità da parte di una penna maschile di descrivere l’abbigliamento femminile.

”Essere Robert Galbraith è stata un’esperienza liberatrice”, ha detto la Rowling, ”è stato meraviglioso poter pubblicare senza il clima di grandi aspettative ed è stato un puro piacere ricevere un riscontro sotto un diverso nome”.

Fonte: ANSA

Francesca Ciccaglione

JK Rowling’s ‘secret’ novel conceals clues to its author’s true identity

When The Cuckoo’s Calling was published in April it fared decently for a debut crime novel. Though not much noticed in the papers, the author Robert Galbraith got good reviews on Amazon and from established writers such as Val McDermid and Peter James, who praised the novel as “compelling”. It sold around 1500 copies in hardback – nothing special, but not bad.

Late on Saturday night, it was revealed that Galbraith, far from being an ex-military police officer as advertised, was the pseudonym of none other than Harry Potter author JK Rowling. Given the extraordinary attention she gets when she publishes a new book – her first adult novel The Casual Vacancy received mixed reviews last year – it’s understandable that she wanted to try something without that burden. “It had been wonderful to publish without hype or expectation, and pure pleasure to get feedback under a different name,” said Rowling in a statement.

She took the anonymity seriously: the book was passed round publishers, at least one of which rejected it. Kate Mills, fiction editor at Orion, admitted she had turned down what she described as a “well written but quiet” book and invited other publishers to confess doing the same.

Anyone reading it can find small clues to the author’s identity. It opens with paparazzi photographers snapping the lifeless body of a model, Lula Landry, who has fallen – or been pushed – from her open window. She is objectified in death as she had been in life – an innocent hounded by the tabloids. Rowling, who gave evidence to the Leveson Inquiry, has made little secret of her loathing for the tabloid press.

Our hero is Cormoran Strike, an ex-soldier who lost a leg in Afghanistan and is now a hard-drinking private investigator with a complicated private life. His secretary Robin is a spirited woman who joins him from a temp agency. Cue some low-key sexual tension between them. Strike investigates various disreputable friends – including a nasty fashion designer and a rapper named Deeby Macc – to build up a picture of the dead girl.

Rowling has never been a stylist and there are some terribly clunky sentences. This is typical: “Hope, so briefly re-erected at the news that he might have a client, fell slowly forwards like a granite tombstone and landed with an agonising blow in Strike’s gut.” The dialogue is creaky and it’s too long – though it does zip along easily enough. When the inevitable television adaptation comes it will make enjoyable Sunday evening viewing.

The more interesting mystery is how deliberately Rowling planned her exposure. She says she hoped it could have been concealed for a little longer, but there’s a possibility that it may have been a PR manoeuvre. Publishing anonymously allows her the satisfaction of seeing her work judged on its merits – but then she (and her publishers) can’t be displeased to see The Cuckoo’s Calling shoot straight to the top of the Amazon chart. Sales increased by 507,500 overnight.

None of us can know what it’s like being the most famous living author in the world. It’s clear she thinks of the unfortunate Lula at the centre of her novel as a kindred spirit: “Her refusal to feed her fans’ ravenous appetite for personal information seemed to have inspired others to fill the void. There were countless websites dedicated to the reproduction of her pictures, and to obsessive commentary on her life.”

Jo Rowling the writer managed to escape the burden of being JK Rowling for a little while – but not for long.

 

Source: The Telegraph

Francesca Ciccaglione

Curiosità: Quali sono i dieci libri più letti di sempre?

classifica_libri_piu_letti

Al primo posto si classifica La Sacra Bibbia. Con 3 miliardi e novecento milioni di copie vendute, il testo sacro della religione ebraica e di quella cristiana si conferma il libro più letto in assoluto. La Sacra Bibbia è il manifesto della parola di Dio nel mondo ed è composta da sessantasei libri, compilati in un arco di tempo molto lungo durato svariati secoli. La prima Bibbia a stampa è opera di Johann Gutenberg e risale al 1455, mentre le prime edizioni a stampa italiane si hanno a Venezia nel 1471, per opera di Vindelino da Spira. Da quel momento in poi, il mercato dei libri sacri si estese progressivamente e la Bibbia divenne, così, il libro più diffuso, presente in tutte le biblioteche pubbliche e private non soltanto del mondo occidentale.

Al secondo posto troviamo il Libretto Rosso di Mao Tse-tung, un’antologia di citazioni tratte dagli scritti e dai discorsi di Mao, che ha superato gli 820 milioni di copie. Il titolo “Libretto Rosso” gli fu dato in occidente a causa del colore della copertina e dal formato, adatto ad essere infilato in una tasca superiore della giacca cinese allora maggiormente in uso: la zhongshanzhuang, detta anche “giacca maoista”. In Cina però questo titolo alternativo non fu mai impiegato. Il Libretto Rosso è il testo moderno più letto nel mondo: sin dalla sua pubblicazione nel 1966, fu stampato e tradotto in tantissime lingue, tanto da favorirne l’immediata diffusione.

Terza posizione per Harry Potter. Le avventure del piccolo mago più celebre del pianeta, prodotte dalla penna di J. K. Rowling, hanno superato, in poco più di quindici anni, i 400 milioni di copie, facendo dell’autrice la donna più ricca del mondo. Fanno parte della saga Harry Potter e la pietra filosofale, Harry Potter e la camera dei segreti, Harry Potter e il prigioniero di Azkaban, Harry Potter e il calice di fuoco , Harry Potter e l’ordine della fenice, Harry Potter e il principe mezzosangue, Harry Potter e i doni della morte.

Quarto posto per Il Signore degli Anelli di J. R. R. Tolkien con 103 milioni di copie. Pubblicato nel 1955 e tradotto in 38 lingue, oltre ad essere una delle opere più popolari del ventesimo secolo, rappresenta il manifesto del genere fantasy. Protagonista è un particolare anello che casualmente finisce nelle mani di un hobbit, Balbo Baggins; l’”anello del potere” ha una particolare caratteristica: se viene messo al dito, rende invisibili chi lo indossa rendendolo in grado di percepire il mondo degli spiriti e, se utilizzato dal suo creatore o da un esperto di magia, conferisce poteri senza limiti.

Quinto posto per L’alchimista di Paulho Coelho. Pubblicato nel 1987 e tradotto in più di sessanta lingue, L’alchimista si conferma il libro portoghese di maggior successo. Il libro narra la storia del giovane pastore Santiago, che intraprende un viaggio alla ricerca di un tesoro, che lo porterà in Egitto. Grazie all’incontro con un vecchio Alchimista, salirà tutti i gradini della scala sapienziale e, attraverso la conoscenza di sé, scoprirà l’anima del mondo, l’amore e il linguaggio universale.

Sesta posizione per Il Codice Da Vinci. A dieci anni dalla sua pubblicazione, il libro di Dan Brown ha venduto più di ottanta milioni di copie ed è uno dei fenomeni editoriali più indiscussi degli ultimi anni. Protagonista è il professor Robert Langdon, chiamato a investigare su un omicidio commesso all’interno del Museo del Louvre di Parigi: qui Langdon intuisce la possibilità che Gesù Cristo sia stato sposato con Maria Maddalena e che abbia avuto da questa un bambino. De Il Codice Da Vinci è stata realizzata una trasposizione cinematografica nel 2006 con protagonista Tom Hanks.

Settima posizione per la Saga di Twilight. Il romanzo di Stephenie Meyer è stato pubblicato nel 2005 e tradotto in più di venti lingue, superando i quaranta milioni di copie vendute. Protagonisti sono la giovane Bella Swan e il vampiro buono Edward Cullen, che, nonostante le iniziali paure, si innamorano l’uno dell’altra.

All’ottavo posto si posiziona Via col vento di Margaret Mitchell. Il romanzo, pubblicato nel 1936, tradotto in 37 Paesi e con 33 milioni di copie all’attivo, è ambientato in Georgia durante la guerra di secessione americana e narra le vicende della protagonista, Rossella O’Hara, figlia di una ricca famiglia di possidenti terrieri di origini irlandesi.

Al nono posto troviamo Think and grow rich, il libro di Napoleon Hill, pubblicato nel 1937, che ha inaugurato il filone dei libri dedicati al tema del pensiero positivo e del successo.

Decima posizione, infine, per il celeberrimo Diario di Anna Frank, pubblicato per la prima volta nel 1947 e con oltre 27 milioni di copie vendute in tutto il mondo. Il libro racconta la vita di una ragazza ebrea costretta a vivere con la sua famiglia nella clandestinità per sfuggire alle persecuzioni del regime nazista.

Fonte: Apollodoro

Francesca Ciccaglione