Amati e traditi – Incontri di traduzione letteraria

Dal 27 Marzo 2014 al 11 Giugno 2014
dalle ore 18.30

Amati e traditi – Incontri di traduzione letteraria

Palazzo Incontro – Via dei Prefetti, 22 – ROMA (RM)

Telefono: 06.32810 prenotazioni – 06.97271379

Sei appuntamenti con sei traduttori per riflettere sull’arte di tradurre e scoprire alchimie segrete nella voce dei libri

Di chi sono i libri? Di chi li scrive, del lettore che se ne impossessa e li rende propri o di chi li traduce?
Amati e traditi è un appuntamento pensato per riflettere sull’arte del tradurre, un modo per restituire la voce direttamente ai testi – nelle letture degli attori – e a chi li ha tradotti, in una serie di interviste, chiacchiere e riflessioni d’autore. Sei incontri, a cavallo tra marzo e giugno, nello spazio del Caffè Letterario Fandango Incontro.
L’iniziativa è promossa dalla Regione Lazio, attraverso il Progetto ABC Arte Bellezza Cultura, per incontrare personaggi per lo più sconosciuti al grande pubblico, quasi invisibili, ma che in realtà sono i custodi più attenti e i più fedeli interpreti di ciò che si chiama letteratura: i traduttori. Un’occasione per provare a svelare al lettore la fragilità e la complessità dei libri che abbiamo amato e il modo in cui le parole diventano lo strumento privilegiato per dar voce a un’altra lingua.

Programma degli incontri

  • 27 marzo – ore 18.30
    Chiara Valerio e Nadia Fusini
    In cerca di Virginia. Tradurre Virginia Woolf
    Letture di Tamara Bartolini
  • 22 aprile – ore 18.30
    Silvia Bre
    L’assenza del mago non annulla il sortilegio. Tradurre Emily Dickinson
    Letture di Silvia Bre
  • 20 maggio – ore 18.30
    Enrico Terrinoni Fabio Pedone
    Lots of fun at Finnegans Wake. Tradurre la lingua notturna di James Joyce
    Letture di David Sebasti
  • 29 maggio – ore 18.30
    Martina Rinaldi
    Le quattro stanze di un cuore. Tradurre Anaïs Nin
    Letture di Alessandra Di Lernia
  • 5 giugno – ore 18.30
    Ilide Carmignani
    Non uno stormo di uccelli ma l’Usignolo. Tradurre Roberto Bolaño
    Letture di Daniele Miglio
  • 11 giugno 2014 – ore 18.30
    Adelaide Cioni
    Parlare con Johnny. Tradurre John Cheever
    Letture di Daria Deflorian.

 

Fonte: Incontra Giovani

Giulia Gentili

 

 

Premio Strega 2013, la cinquina dei finalisti

Premio Strega 2013, la cinquina dei finalisti

È stata designata la cinquina dei finalisti all’edizione 2013 delPremio Strega, promosso dalla Fondazione Maria e Goffredo Bellonci in collaborazione con Liquore Strega. Ieri sera Casa Bellonci è stata gremita da molti dei 400 Amici della domenica, il corpo elettorale del premio, eredi di un rito che si ripete da oltre sessant’anni e che quest’anno per la prima volta è stato anche trasmesso in diretta streaming sul sito www.premiostrega.it .
Al termine dello scrutinio (408 su 460 votanti – di cui 160 voti online -, pari all’88,69%; 2 schede bianche) il presidente di seggio Alessandro Piperno, vincitore del Premio Strega 2012, affiancato dal presidente della Fondazione Bellonci Tullio De Mauro, ha annunciato ufficialmente la cinquina di libri e autori finalisti delPremio Strega 2013.

Ecco i cinque finalisti:
– Le colpe dei padri (Piemme) di Alessandro Perissinotto con voti 69
– Resistere non serve a niente (Rizzoli) di Walter Siti con voti 66
– Figli dello stesso padre (Longanesi) di Romana Petri con voti 49
– Mandami tanta vita (Feltrinelli) di Paolo Di Paolo con voti 45
– Nessuno sa di noi (Giunti) di Simona Sparaco con voti 36

Oggi gli autori saranno ospiti a “Letterature”, Festival Internazionale di Roma, dove nella Basilica di Massenzio leggeranno brani tratti dai loro libri in gara; giovedì 27 giugno saranno ad Avellino per partecipare al Festival “…aspettando Giffoni 2013”; mentre il 2 luglio concluderanno il loro tour a Viterbo ospiti del Festival “Caffeina Cultura”.

La votazione finale e e la proclamazione del vincitore avverranno nel consueto  scenario del Ninfeo di Villa Giulia giovedì 4 luglio.

I voti degli altri candidati esclusi dalla seconda votazione del 4 luglio:

– Romanzo irresistibile della mia vita vera (Marsilio) di Gaetano Cappelli con voti 27
– Sofia si veste sempre di nero (minimum fax) di Paolo Cognetti con voti 23
– Il cielo è dei potenti (Edizioni e/o) di Alessandra Fiori con voti 22
– Apnea (Fandango) di Lorenzo Amurri con voti 21
– El especialista de Barcelona (Dalai) di Aldo Busi con voti 18
– Atti mancati (Voland) di Matteo Marchesini con voti 15
– Cate, io (Fazi) di Matteo Cellini con voti 11

Questo risultato comprende i 400 voti degli Amici della domenica (in cui sono inclusi i voti collettivi di scuole, istituti culturali e circoli di lettura) e i 60 voti dei lettori “forti” segnalati da altrettante librerie associate all’ALI distribuite in tutto il Paese.

Fonte: Panorama

Giulia Gentili