Natale 2013, idee regalo pensate per gli amanti della lettura

Ecco i gadgets più carini e originali perfetti da regalare a Natale agli appassionati di libri e lettura

MILANO – Manca meno di un mese a Natale. L’ansia da regalo inizia a farsi sentire? Non sapete cosa comprare ai vostri amici e parenti? Ecco qualche spunto divertente scovato curiosando qua e là tra siti e blog internazionali dedicati ai booklover, gadgets che sicuramente faranno piacere agli amanti di libri e letture.

I fermalibri
Per chi ha libri sparsi ovunque, su tavoli, comodini e scrivanie in tutte le stanza, i fermalibri sono un oggetto utilissimo per organizzare delle mini-librerie in ogni angolo della casa, anziché impilare disordinatamente i volumi fino a seppellire i mobili sotto montagne di carta. Ce ne sono delle forme più varie: potete sbizzarrire la vostra fantasia. Qualche esempio? Visto che la penna, si dice, può ferire più che la spada, che ne pensate di questo fermalibri a pugnale? In ogni caso, ce ne sono per tutti i gusti.

La poltrona del lettore
Ecco un oggetto di design che unisce l’utile al dilettevole: alla comoda seduta questa poltrona abbina schienale e braccioli che fungono da libreria. Un elemento di arredo che nella casa di un lettore davvero appassionato può diventare il suo trono. Attenzione però, si tratta di un regalo impegnativo, dovete proprio esser sicuri che possa piacere e che ci sia un posto per questo mobile nella casa di destinazione.

La coperta del lettore
Cosa c’è di meglio, per i lunghi mesi invernali che ci attendono, che godersi un buon libro nel tepore della propria casa, sdraiati sul divano sotto una morbida coperta? Sembra studiata apposta per lo scopo questa comoda coperta con maniche, per lasciarsi avvolgere in un caldo abbraccio mentre ci si abbandona al piacere della lettura.

Il cuscino-leggio
Ecco un altro complemento per rendere sempre più perfetto il momento dedicato alla lettura. Questo cuscino a forma piramidale, da tenere sulle gambe mentre si è distesi a leggere per appoggiarvi sopra  il proprio libro o ereader, sarà sicuramente apprezzato da qualsiasi booklover.

Ereader
Naturalmente i device per la lettura sono un ottimo regalo di Natale. I modelli offerti dal mercato sono sempre più numerosi, di tutte le face di prezzo e diversificati a seconda delle esigenze.

Custodie per ereader
Sono indispensabili per proteggere i propri apparecchi e sono alla portata delle tasche di tutti. Ce ne sono di davvero curiosi, come questi ricavati dalle copertine rigide di vecchi libri.

Magliette e felpe
L’amore per la lettura può esprimersi anche nella scelta del proprio stile di abbigliamento. Che ne dite di felpe e magliette dove campeggiano stampate le copertine dei nostri libri preferiti?

Sottobicchieri “letterari”
Il booklover ha un bisogno insaziabile di leggere, vorrebbe un mondo costruito di parole, parole scritte ovunque. Ecco un altro gadget che nei siti internazionali dedicati ai lettori appassionati è molto gettonato: i sottobicchieri “letterari”, decorati dalle citazioni di grandi autori e grandi capolavori della letteratura. Sono molto carini da tenere in casa, per offrire agli ospiti, insieme al piacere di un drink, anche qualche preziosa perla per la mente.

I segnalibri
Un regalo davvero poco impegnativo economicamente, eppure utile, simpatico e anche molto personale. Ce ne sono delle più svariate forme e fantasie – come quello qui sotto, a foglia, per gli amanti del green – ma anche il classico cartoncino rettangolare, che potete arricchire con un vostro pensiero per la persona cui il regalo è destinato, è un’idea carina per far sapere a qualcuno che tenete a lui.

I libri-borsetta
Se amate il libro anche come oggetto fisico, come “complemento di stile”, vi potranno piacere anche queste pochette ricavate dalle cover di vecchi volumi. Per booklover davvero fashion.

Fonte: Libreriamo

Giulia Gentili

Annunci

Svelati i nomi dei tre giurati del talent letterario “Masterpiece”

Sarà composta da Giancarlo De Cataldo, Andrea De Carlo e Taiye Selasi la giuria del talent show per aspiranti scrittori che prenderà il via il prossimo 17 novembre su Rai3
 

LA CRITICA QUOTIDIANA – Dalle pagine del Corriere della Sera, Roberta Scorranese presenta i tre attesissimi giurati del talent letterario “Masterpiece”, che prenderà il via il 17 novembre prossimo su Rai 3. I nomi sono quelli di Giancarlo De Cataldo, Andrea De Carlo e Taiye Selasi.

I VOLTI DEI TRE GIURATI 
– Il talent per aspiranti scrittori ha finalmente la sua giuria. I tre giudici che siederanno fianco a fianco saranno Giancarlo De Cataldo, l’interprete del romanzo degli anni Ottanta Andrea De Carlo e l’autrice “afropolitan” Taiye Selasi. Come già previsto, non ci sarà un vero e proprio conduttore, bensì un “coach”, un “mentore per gli aspiranti scrittori”, che saranno chiamati a sfidarsi nelle varie prove narrative. Questo ruolo sarà ricoperto da Massimo Coppola, giovane editore, documentarista e autore televisivo.

PARLARE DI LETTERATURA E SCRITTURA IN TV
 – Ora che la squadra è al completo, sorgono i primi ed inevitabili dubbi, uno su tutti: quanto sarà difficile riuscire a parlare di letteratura in tv? Il pensiero di uno dei giudici, De Cataldo, è chiaro “l’importante è non spettacolarizzare la letteratura, sarebbe fuori luogo: si cercherà invece di mostrarne il lato nascosto”. Andrea De Carlo spiega come parlare di libri davanti alla telecamera sarà per lui come parlare ad un nuovo lettore.

MASTERPIECE, UN INVITO ALLA LETTURA
 – Ma la vera sfida di questo talent sarà un’altra: riuscire a raccontare la meta letteratura, il famoso “racconto del racconto del racconto”. Coppola fa notare comunque come in primis si parlerà soprattutto di scrittura, e come la letteratura sarà una diretta conseguenza ed emergerà soltanto con la pubblicazione del romanzo inedito. Il programma permetterà quindi di monitorare la scrittura attraverso sistemi di misurazione ad essa sconosciuti sino ad ora, come share ed Auditel. Tuttavia lo spirito adatto con cui deve essere preso Masterpiece probabilmente è quello di un invito alla lettura, in un mondo che sappiamo essere ormai sempre più inesorabilmente scritto.

Fonte: Libreriamo

Giulia Gentili

Sconto del 25% sui libri della collana I Mammut

Capolavori anche nel prezzo!!!

Uno sconto epocale sui più grandi capolavori di tutti i tempi

Sconto del 25% sui libri della collana I Mammut

Affrettati! Ogni 2 Mammut acquistati in libreria una bag di stoffa in omaggio

Promozione valida dal 30 agosto al 30 settembre 2013
Omaggio fino a esaurimento scorte nei punti vendita che aderiscono all’iniziativa!!

La collana I Mammut della Newton Compton Editori raccoglie in un unico grande libro i capolavori e le opere complete dei più importanti protagonisti della letteratura, della filosofia e del teatro.

Clicca qui per scoprire tutti i titoli disponibili!!

Giulia Gentili

 

 

In Inghilterra, prescrivere libri contro ansia e depressione è diventata pratica medica

Books on Prescription è il progetto, nato in Inghilterra, che offre libri di auto-aiuto di alta qualità, destinati a tutti coloro che soffrono di disturbi quali ansia e depressione
MILANO – Stress, ansia e depressione sono disturbi sempre più ricorrenti nel mondo moderno, in cui i ritmi dettati dal lavoro e dagli innumerevoli impegni sono frenetici ed incalzanti. Una nuova ed innovativa cura viene dall’Inghilterra: parliamo del progetto Reading Well Books on Prescription, che offre testi di auto-aiuto prescritti direttamente da specialisti, i quali permettono ai pazienti di intraprendere una cura alternativa o talvolta parallela a quella medica. La notizia è apparsa recentemente sullo Yorkshire Evening Post.
READING WELL BOOKS ON PRESCRIPTION – Se ci si reca dal proprio medico di base  perché si soffre di depressione, ci si aspetta una consulenza o un aiuto terapeutico, non che ci indirizzi alla biblioteca più vicina. Ma oggi stiamo assistendo al lancio di Reading Well Books on Prescription (BOP), un progetto che offre libri di auto-aiuto di alta qualità, destinati a tutti coloro che soffrono di disturbi quali ansia, depressione. I testi possono essere prescritti sia dai medici di base che dagli specialisti. Attraverso una partnership tra la Reading Agency e la Society of Chief Librarians, le biblioteche in tutta l’Inghilterra avranno un catalogo di 30 titoli di auto-aiuto, che possono servire per diverse patologie, come ad esempio depressione, ansia, fobie e disturbi alimentari. I libri sono disponibili a tutti coloro che desiderano prenderli in prestito dal 10 giugno. 127 biblioteche hanno dato la loro adesione, un numero pari all’84% dell’intera rete presente in Inghilterra. Debbie Hicks, capo della ricerca della Reading Agency, ha detto che un simile progetto era stato provato in anteprima in tutto il Paese, per poi allargare l’iniziativa a livello nazionale.
L’EFFICACIA DELL’AUTO-AIUTO PER DETERMINATI DISTURBI – “Abbiamo esaminato i libri già in uso, poi siamo arrivati ad elaborare una lista che ne comprende 30. Questi sono stati tutti raccomandati da esperti e dai partner con i quali stiamo collaborando” ha affermato la Hicks. “Sta emergendo in modo evidente come l’auto-aiuto sia molto efficace” ha affermato il Dottor Paul Blenkinor, consulente di psichiatria adulta per Leeds and York Partnership NHS Foundation Trust, e uno degli esperti del team  relativo al programma BOP. Molti dei libri nella lista sono basati sulla terapia cognitivo-comportamentali, che è un trattamento efficace per i problemi comuni di salute mentale. Gli argomenti trattati includono ansia, stress, depressione, panico, fobie, disordini ossessivo-compulsivi, disordini alimentari e problemi legati al sonno. Ci sono anche libri legati a patologie fisiche, come ad esempio dolori e stanchezza cronici. L’iniziativa non è finalizzata a ridurre il numero di coloro che ricevono aiuti medici, ma a fornire un supporto ulteriore.
GLI OBIETTIVI DEL PROGETTO – “Il progetto non vuole essere una alternativa alle cure mediche, ma una proposta in più che permetta alle persone di poter scegliere” ha affermato Blenkiron. “I libri possono essere utilizzati in diversi modi. Le persone possono incominciare a leggere uno dei testi indicati per capire meglio il proprio disturbo e come poterlo gestire. Questa sorta di terapia può essere intrapresa prima di avere un consulto medico. I libri possono essere anche utilizzati insieme ai farmaci, se la propria ansia o depressione è molto grave”. Le persone con gravi problemi mentali dovrebbero assolutamente consultare  i propri medici di fiducia per assicurarsi di aver intrapreso la giusta terapia. Ma, come ha sottolineato Hicks, i libri potrebbero essere un importante “primo passo” per molti. “Ci sono 4,5 milioni di persone in Inghilterra che non ottengono alcun aiuto per patologie quali ansia e depressione” ha affermato. “La maggior parte delle persone forse si affidano troppo ai consigli provenienti dalla rete. Ma sappiamo anche che molte persone utilizzano i libri per documentarsi sulla salute, ed avere una collezione di libri di provata qualità nella propria libreria potrebbe essere un ottimo primo passo, per mettersi sulla strada  dell’aiuto e della consulenza.
Fonte: Libreriamo
Giulia Gentili