Eleanor Catton vince il Booker Prize

Una scrittrice di 28 anni con un romanzo di 832 pagine ha vinto il più prestigioso premio letterario britannico: il Man Booker prize. Eleanor Catton ha superato due record in una volta: è la vincitrice più giovane del premio e quella che ha scritto il romanzo più lungo,spiega il Guardian.

La scrittrice ha cominciato a scrivere The Luminaries, il suo romanzo, quando aveva 25 anni. Si tratta di un giallo ambientato durante la corsa all’oro nel diciannovesimo secolo.

Con questa edizione, inoltre, si chiude un’epoca al Booker prize: infatti dal prossimo anno anche gli scrittori statunitensi potranno partecipare al premio, che per 45 anni è stato riservato agli scrittori di lingua inglese di tutti i paesi del Commonwealth, più l’Irlanda.

Il presidente della giuria Robert Macfarlane ha dichiarato che quest’anno c’è stata una discussione di un paio d’ore per decidere il vincitore, ma non c’è stato bisogno di mettere ai voti la decisione.

Un romanzo vittoriano

Da un certo punto di vista il romanzo di Catton è in puro stile vittoriano “con un omicidio, una donna protagonista e dei complotti”.

Ma il presidente della giuria Robert Macfarlane ne ha elogiato lo stile: “Mentre leggi ogni singola frase rimani stupito dalla conoscenza e dalla compostezza della scrittura”.

Uno dei temi del libro è l’astrologia. Catton, del segno zodiacale della bilancia, afferma di non credere troppo agli oroscopi, ma che in effetti il 28 è un importante numero astrologico, e lei ha 28 anni. “Devo sembrare proprio un’instabile”, dice scherzando con i giornalisti.

Cotton è la seconda scrittrice neozelandese ad aver vinto il premio, la prima autrice premiata della casa editrice Granta. La prima scrittrice neozelandese ad aver vinto il Booker prize è stata nel 1985 Keri Hulme con il romanzo The bone people.

 

Fonte: Internazionale

 

Francesca Ciccaglione

In Texas la prima biblioteca senza libri

Una nuova biblioteca nasce in Texas, ma non è come le altre. Infatti non contiene nessun libro cartaceo. Gli addetti alla BiblioTech di San Antonio dichiarano «è la prima biblioteca senza libri. Oltre ad un catalogo di più di 10000 e-book, questa biblioteca tecnologica costituisce un’importante occasione di riscatto per un quartiere che vive in una situazione di arretratezza economica. BiblioTech ha aperto i battenti il 14 settembre nella zona sud-est della città, un quartiere abitato prevalentemente da ispanici in cui la percentuale di persone che non possiedono un personal computer o una connessione internet supera il 40%.

Nonostante la biblioteca non contenga libri stampati su carta e offra un servizio online di consultazione ebook che permette in tutta comodità di richiedere testi da casa, lo staff di BiblioTech considera la presenza fisica di personale e clienti all’interno del locale una delle chiavi del loro successo. «Siamo di fronte ad un cambiamento radicale» afferma Laura Cole, coordinatrice dei progetti speciali di BiblioTech. «Il nostro catalogo è salvato in rete, quindi non è necessario recarsi fisicamente sul posto per trovare un libro. Tuttavia, come accade in una biblioteca tradizionale, forniamo ai clienti un’occasione per socializzare all’interno dei nostri spazi».

 I 4800 metri quadrati di BiblioTech ricordano più un Apple Store o una sala ricreativa di Google che una biblioteca. Decorata con pareti arancioni, oltre ad una coloratissima area ludica per i bambini e una folta apparecchiatura tecnologica a disposizione del cliente (45 Ipad, 40 laptop e 48 PC) fra i servizi offerti per leggere e consultare i 10000 e-books viene offerta la possibilità di utilizzare anche 600 e-readers per adulti e 200 e-readers “facilitati” per i più piccoli.
Per visitare il sito: http://bexarbibliotech.org/
 Fonte: Il Sole 24 Ore
Francesca Ciccaglione

Nobel per la letteratura alla canadese Alice Munro

Alice Munro, 82 anni, canadese, considerata la più grande scrittrice vivente di racconti. È lei la vincitrice del premio Nobel per la Letteratura del 2013. Una «maestra delle storie brevi contemporanee» ha spiegato l’Accademia Reale svedese proclamando la vittoria. Dal 1901 ad oggi solo 13 donne hanno vinto il Nobel per la Letteratura, tra cui anche l’italiana Grazia Deledda nel 1928. Alla scrittrice l’Accademia consegnerà 8 milioni di corone (pari a circa 900mila euro).

Già vincitrice per tre volte del Governor General’s Award, il principale premio letterario canadese, Alice Munro lo scorso luglio ha annunciato di «non voler più scrivere». Nata a Wingham, in Ontario, nel 1931, Alice è diventata famosa con il cognome del marito, James Munro, da cui ha divorziato nel 1972: prima di sposarsi si chiamava Laidlaw. Maestra del racconto, Munro è stata definita anche la «Cechov canadese», per le sue storie intime e delicate, per lo studio psicologico di personaggi e di ambienti, dominati dall’introspezione e dalla simbologia. I suoi racconti, ambientati perlopiù nelle piccole cittadine dell’Ontario sudoccidentale, mescolano osservazione precisa della realtà sociale e introspezione psicologica, e si caratterizzano per la raffinatezza formale. Temi prediletti sono i problemi delle ragazze durante l’adolescenza, il loro rapporto con la famiglia e con l’ambiente circostante, il matrimonio, il divorzio, la vecchiaia, la solitudine.

Molti dei libri di racconti di Alice Munro sono stati pubblicati in italiano da Einaudi. La casa editrice torinese ha dato alle stampe «Il sogno di mia madre» (2001), «Nemico, amico, amante…» (2003), «In fuga» (2004), «Il percorso dell’amore» (2005), «La vista da Castle Rock» (2007 e 2009), «Segreti svelati» (2008), «Le lune di Giove» (2008), «Troppa felicità» (2011) e «Chi ti credi di essere?» (2012). In italiano sono apparsi in precedenza anche i volumi: «La danza delle ombre felici», edito da La Tartaruga (1994), che ha pubblicato anche «Stringimi forte, non lasciarmi andare» (1998) e «Segreti svelati»(2000). In italiano sono stati tradotti in altre versioni anche «Chi ti credi di essere?» (E/O, 1995) e «Il percorso dell’amore» (Serra e Riva, 1989 ).

 

Fonte: Il Corriere della Sera 

 

Francesca Ciccaglione

Svelati i nomi dei tre giurati del talent letterario “Masterpiece”

Sarà composta da Giancarlo De Cataldo, Andrea De Carlo e Taiye Selasi la giuria del talent show per aspiranti scrittori che prenderà il via il prossimo 17 novembre su Rai3
 

LA CRITICA QUOTIDIANA – Dalle pagine del Corriere della Sera, Roberta Scorranese presenta i tre attesissimi giurati del talent letterario “Masterpiece”, che prenderà il via il 17 novembre prossimo su Rai 3. I nomi sono quelli di Giancarlo De Cataldo, Andrea De Carlo e Taiye Selasi.

I VOLTI DEI TRE GIURATI 
– Il talent per aspiranti scrittori ha finalmente la sua giuria. I tre giudici che siederanno fianco a fianco saranno Giancarlo De Cataldo, l’interprete del romanzo degli anni Ottanta Andrea De Carlo e l’autrice “afropolitan” Taiye Selasi. Come già previsto, non ci sarà un vero e proprio conduttore, bensì un “coach”, un “mentore per gli aspiranti scrittori”, che saranno chiamati a sfidarsi nelle varie prove narrative. Questo ruolo sarà ricoperto da Massimo Coppola, giovane editore, documentarista e autore televisivo.

PARLARE DI LETTERATURA E SCRITTURA IN TV
 – Ora che la squadra è al completo, sorgono i primi ed inevitabili dubbi, uno su tutti: quanto sarà difficile riuscire a parlare di letteratura in tv? Il pensiero di uno dei giudici, De Cataldo, è chiaro “l’importante è non spettacolarizzare la letteratura, sarebbe fuori luogo: si cercherà invece di mostrarne il lato nascosto”. Andrea De Carlo spiega come parlare di libri davanti alla telecamera sarà per lui come parlare ad un nuovo lettore.

MASTERPIECE, UN INVITO ALLA LETTURA
 – Ma la vera sfida di questo talent sarà un’altra: riuscire a raccontare la meta letteratura, il famoso “racconto del racconto del racconto”. Coppola fa notare comunque come in primis si parlerà soprattutto di scrittura, e come la letteratura sarà una diretta conseguenza ed emergerà soltanto con la pubblicazione del romanzo inedito. Il programma permetterà quindi di monitorare la scrittura attraverso sistemi di misurazione ad essa sconosciuti sino ad ora, come share ed Auditel. Tuttavia lo spirito adatto con cui deve essere preso Masterpiece probabilmente è quello di un invito alla lettura, in un mondo che sappiamo essere ormai sempre più inesorabilmente scritto.

Fonte: Libreriamo

Giulia Gentili

Salone dell’editoria sociale 2013

Salone dell’editoria sociale 2013

Dal 31 Ottobre 2013 al 3 Novembre 2013

Salone dell’editoria sociale 2013

Porta Futuro – Via Galvani, 108 – ROMA (RM)

Quattro giornate dedicate ad incontri gratuiti, presentazioni di libri e dibattiti sul tema della “grande mutazione” prodotta da 30 anni di politiche neoliberiste

La V edizione del Salone dell’editoria sociale ha per titolo La grande mutazione. Quella prodotta non solo dai sei anni di crisi economica che ha colpito il mondo nel 2008, ma da un trentennio di politiche neoliberiste. Una “grande trasformazione”, come quella raccontata da Polanyi descrivendo il passaggio da una società che incorpora l’economia a un mercato che ingloba la società.

Alcuni degli appuntamenti in programma

  • giovedì 31 ottobre, ore 16.15
    Le pietre e il popolo. Restituire ai cittadini l’arte e la storia delle città italiane di Tomaso Montanari. Ne discutono con l’autore Vittorio Giacopini  e Goffredo Fofi
  • venerdì 1 novembre, ore 10.30
    I diritti non sono un costo – presentazione del video per la campagna realizzato dagli studenti del Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma. Intervengono Gianandrea Caruso, Elia FofiGrazia NalettoNicola Villa
  • venerdì 1 novembre, ore 12.15
    Accogliamoli tutti. Una ragionevole proposta per salvare l’Italia, gli italiani e gli immigrati diValentina Brinis e Luigi Manconi. Ne discutono Khalid Chaouki, padre Giovanni La Manna,Luigi ManconiCécile Kyenge
  • venerdì 1 novembre, ore 14.30
    Il giorno degli Asini. Incontro tra i lettori e collaboratori della rivista Gli Asini e gli studenti del Dipartimento di Scienze sociali della Sapienza Università di Roma. Introduce Mauro Boarelli
  • venerdì 1 novembre, ore 18.15
    Karl Polanyi. La grande trasformazione 70 anni dopo. Ne discutono Michele Cangiani,Peter Kammerer. Modera Mario Pianta. Interviene Enrico Giovannini
  • venerdì 1 novembre, ore 21.00
    Omaggio a Roberto Bolano. Oltre il postmoderno. Ne discutono Ilide CarmignaniGoffredo FofiNicola Lagioia, Jaime Riera Rehren. Con letture di Fabrizio Gifuni
  • sabato 2 novembre, ore 12.00
    Che fare dell’Europa. Crisi, limiti e prospettive per il vecchio continente. Ne discutono Adam MichnikClaus Offe. Modera Marino Sinibaldi. Presenta Giulio Marcon
  • sabato 2 novembre, ore 14.30
    Che fare per l’Italia? Dibattito sulle proposte del libro Sbilanciamo l’economia. Una via d’uscita dalla crisi di Giulio Marcon Mario Pianta. Ne discutono con gli autori Alessandro GilioliAlessandro Leogrande
  • sabato 2 novembre, ore 18.15
    Reddito o lavoro? Nuovo welfare e politiche dell’occupazione. Ne discutono Giorgio Airaudo, Guy Standing. Modera Giuliano Battiston. Introduce e presenta Massimiliano Smeriglio
  • sabato 2 novembre, ore 21.00
    Indebito. Un film di Andrea Segre, con Vinicio Capossela. Partecipa Theodora Athanasiou
  • domenica 3 novembre, ore 10.30
    Libri (gratis) in una Asl. La bibliolibreria Plautilla a Monteverde. Intervengono Maria Teresa Carbone, Patrizia Vincenzoni
  • domenica 3 novembre, ore 21.00
    Letteratura e denaro. Incontro con Walter Siti. Ne discutono Alfonso BerardinelliGoffredo Fofi

Per maggiori informazioni, e per il programma completo, rimandiamo al sito del Salone dell’editoria sociale.

 

Fonte: Incontra Giovani

Giulia Gentili

I libri più venduti di questa settimana

Ecco a voi la classifica dei libri più venduti di questa settimana.

Tanti nuovi titoli piombano nella classifica di questa settimana ed il nuovo romanzo di Marco MalvaldiArgento vivo, arriva subito al primo posto!

argento vivo
1. Argento vivo
Marco Malvaldi
Sellerio
€ 14,00
storia di irene
2. Storia di Irene
Erri De Luca
Feltrinelli
€9,00
palazzo sogliano
3. Palazzo Sogliano
Sveva Casati Modigliani
Sperling & Kupfer
€19,00
La verità sul caso Harry Quebert
4. La verità sul caso Harry Quebert
Dicker Joel
Bompiani
 € 19,50
il mio nome è nessuno. il...
5. Il mio nome è nessuno. Seconda parte
Valerio Massimo Manfredi
Mondadori
€ 19,00
marina bellezza
6. Marina Bellezza
Silvia Avallone
rizzoli
€18,50
inchiesta su maria
7. Inchiesta su Maria
Corrado Augias e Marco Vannini
Rizzoli
€19,00

E l'eco rispose

8. E l’eco rispose

Khaled Hosseini

Piemme

€ 19,00

expo 58
9. Expo 58
Jonathan Coe
Feltrinelli
€ 17,00
suburra
10. Suburra
Carlo Bonini e Giancarlo De Cataldo
Einaudi
€19,50

 

Fonte: La Feltrinelli

Giulia Gentili