Curiosità: Qual è l’autore più tradotto al mondo?

traduzione

Secondo l’Index Translationum, l’indice delle opere letterarie tradotte nelle diverse lingue del mondo e aggiornato dall’Unesco tre volte l’anno, il singolo autore più tradotto è Agatha Christie, con 7.117 versioni dei suoi romanzi (comprendono sia i diversi libri sia le diverse lingue in cui uno stesso libro è stato tradotto). La classifica vede però in prima posizione l’insieme delle opere della Walt Disney, seguita da Agatha Christie, Jules Verne e Shakespeare.

Tra i primi 50, ma fuori dalla top ten, figurano autori classici (13° Alexandre Dumas, 17° Dostoevskij, 23° Tolstoj, 25° Dickens, 32° Balzac, 33° Hemingway, 40° Cecov), ma anche filosofi (31° Marx, 43° Platone, 47° Engels) e autori più moderni (14° Conan Doyle, 16° Georges Simenon, 20° Jack London, 22° Isaac Asimov, 28° Oscar Wilde, 29° Sidney Sheldon, 35° Hermann Hesse, 34° Robert Ludlum). Per le opere religiose, troviamo papa Giovanni Paolo II (21°) e la Bibbia (13° Nuovo Testamento, 50° Vecchio Testamento e 26° la Bibbia completa). Interessante anche la posizione di Lenin: è al 5° posto!).

Gli italiani più tradotti sono Umberto Eco, Italo Calvino, Emilio Salgari, Dante e Alberto Moravia.

Consultando i dati disponibili, si nota che le otto lingue più tradotte al mondo sono, in ordine: inglese, francese, tedesco, russo, italiano, spagnolo, svedese e latino. Germania, Spagna, Francia e Giappone sono invece i Paesi che traducono di più; l’Italia figura in nona posizione.

 

Fonte: Focus

Francesca Ciccaglione

Annunci

Curiosità: Da dove viene la parola libro?

04-08-Roma-Wedding-Planner-Libri-01-960x450

Dal latino librum, che indica una delle tre parti della corteccia dell’albero, la più interna e morbida (le altre sono scorza e alburno). La radice europea del termine è “lap” (sbucciare). In alcune piante, come il papiro o il lino, il libro si presenta come una lamina fibrosa. Staccata e fatta seccare, veniva utilizzata fin dai tempi degli antichi Egizi per scrivere.

Solo in un secondo tempo, sotto l’impero di Alessandro Magno, apparve una sorta di antenata della carta, fatta con filamenti di papiro tessuti tra loro, impastati con il fango del Nilo e lasciati asciugare. Libro passò per estensione a indicare l’insieme di fogli uniti e contenenti uno scritto.

Una curiosità: anche il termine greco byblos (dal fenicio ­gybl) nasce con lo stesso significato. Indica la lamina interna e flessibile delle piante su cui si poteva scrivere, ovvero il “libro”.

Fonte: Focus

Francesca Ciccaglione

Uscite dal 24 al 29 giugno 2013!

542554_10150964391116285_1800970061_n

RW LION

  • BATMAN : Le nuove leggende #1
  • Batgirl #4
  • DC ONE-SHOT – Ombre e sangue
  • LE ORIGINI DELL’UNIVERSO DC – Team #17
  • Lobo #1
  • VERTIGO BEFORE MONTHLY – HELLBLAZER 2
  • VERTIGO ONE SHOT –  SHOOTERS

PANINI COMICS 

  • Deadpool #25
  • MARVEL OMNIBUS – Alias
  • PANINI 9L – Alice in un mondo reale
  • The Boys #8
  • Spiderman #596
  • Spiderman il Vendicatore #13
  • Wolverine #282
  • Wolverine e gli X-men #14

 MANGA 

  • ANGELOID SORA NO OTOSHIMONO #16 
  • Arrivare a te #10
  • Belzeebub #15
  • Bleach GOLD & DELUXE #42
  • BLOOD-C – I racconti della sedicesima notte #1
  • Btoom # 8
  • CHI – Casa dolce casa #2
  • Eden (deluxe collection) #5
  • Enigma #4
  • EVANGELION COLLECTION #13
  • Fairy Tail #33
  • Giant killing #9
  • Hikaru No Go (nuova edizione) #7
  • Inuyasha (nuova edizione) #45
  • Ken il guerriero #3
  • MIERUHITO GHOST VISIONS 6
  • MIRAI COLLECTION #18 Batman-Death Mask (normale e deluxe)
  • Otomen #2
  • Pandora hearts #9
  • Pluto Vol. 5 RISTAMPA
  • Red eyes #17
  • Renya of darkness #5
  • Samurai Deeper KYO #35
  • Shamo #27
  • SOUL EATER – Art book
  • Soul eater (ristampa) 3-10
  • TUTOR HITMAN – Reborn! #9
  • Yawara! # 3

Ilaria Gizzi

In Inghilterra, prescrivere libri contro ansia e depressione è diventata pratica medica

Books on Prescription è il progetto, nato in Inghilterra, che offre libri di auto-aiuto di alta qualità, destinati a tutti coloro che soffrono di disturbi quali ansia e depressione
MILANO – Stress, ansia e depressione sono disturbi sempre più ricorrenti nel mondo moderno, in cui i ritmi dettati dal lavoro e dagli innumerevoli impegni sono frenetici ed incalzanti. Una nuova ed innovativa cura viene dall’Inghilterra: parliamo del progetto Reading Well Books on Prescription, che offre testi di auto-aiuto prescritti direttamente da specialisti, i quali permettono ai pazienti di intraprendere una cura alternativa o talvolta parallela a quella medica. La notizia è apparsa recentemente sullo Yorkshire Evening Post.
READING WELL BOOKS ON PRESCRIPTION – Se ci si reca dal proprio medico di base  perché si soffre di depressione, ci si aspetta una consulenza o un aiuto terapeutico, non che ci indirizzi alla biblioteca più vicina. Ma oggi stiamo assistendo al lancio di Reading Well Books on Prescription (BOP), un progetto che offre libri di auto-aiuto di alta qualità, destinati a tutti coloro che soffrono di disturbi quali ansia, depressione. I testi possono essere prescritti sia dai medici di base che dagli specialisti. Attraverso una partnership tra la Reading Agency e la Society of Chief Librarians, le biblioteche in tutta l’Inghilterra avranno un catalogo di 30 titoli di auto-aiuto, che possono servire per diverse patologie, come ad esempio depressione, ansia, fobie e disturbi alimentari. I libri sono disponibili a tutti coloro che desiderano prenderli in prestito dal 10 giugno. 127 biblioteche hanno dato la loro adesione, un numero pari all’84% dell’intera rete presente in Inghilterra. Debbie Hicks, capo della ricerca della Reading Agency, ha detto che un simile progetto era stato provato in anteprima in tutto il Paese, per poi allargare l’iniziativa a livello nazionale.
L’EFFICACIA DELL’AUTO-AIUTO PER DETERMINATI DISTURBI – “Abbiamo esaminato i libri già in uso, poi siamo arrivati ad elaborare una lista che ne comprende 30. Questi sono stati tutti raccomandati da esperti e dai partner con i quali stiamo collaborando” ha affermato la Hicks. “Sta emergendo in modo evidente come l’auto-aiuto sia molto efficace” ha affermato il Dottor Paul Blenkinor, consulente di psichiatria adulta per Leeds and York Partnership NHS Foundation Trust, e uno degli esperti del team  relativo al programma BOP. Molti dei libri nella lista sono basati sulla terapia cognitivo-comportamentali, che è un trattamento efficace per i problemi comuni di salute mentale. Gli argomenti trattati includono ansia, stress, depressione, panico, fobie, disordini ossessivo-compulsivi, disordini alimentari e problemi legati al sonno. Ci sono anche libri legati a patologie fisiche, come ad esempio dolori e stanchezza cronici. L’iniziativa non è finalizzata a ridurre il numero di coloro che ricevono aiuti medici, ma a fornire un supporto ulteriore.
GLI OBIETTIVI DEL PROGETTO – “Il progetto non vuole essere una alternativa alle cure mediche, ma una proposta in più che permetta alle persone di poter scegliere” ha affermato Blenkiron. “I libri possono essere utilizzati in diversi modi. Le persone possono incominciare a leggere uno dei testi indicati per capire meglio il proprio disturbo e come poterlo gestire. Questa sorta di terapia può essere intrapresa prima di avere un consulto medico. I libri possono essere anche utilizzati insieme ai farmaci, se la propria ansia o depressione è molto grave”. Le persone con gravi problemi mentali dovrebbero assolutamente consultare  i propri medici di fiducia per assicurarsi di aver intrapreso la giusta terapia. Ma, come ha sottolineato Hicks, i libri potrebbero essere un importante “primo passo” per molti. “Ci sono 4,5 milioni di persone in Inghilterra che non ottengono alcun aiuto per patologie quali ansia e depressione” ha affermato. “La maggior parte delle persone forse si affidano troppo ai consigli provenienti dalla rete. Ma sappiamo anche che molte persone utilizzano i libri per documentarsi sulla salute, ed avere una collezione di libri di provata qualità nella propria libreria potrebbe essere un ottimo primo passo, per mettersi sulla strada  dell’aiuto e della consulenza.
Fonte: Libreriamo
Giulia Gentili

I 75 anni di Superman!

superman75 anni fa’, il 10 giugno 1938, la DC (che sta per Detective Comics) pubblicò la prima storia di Superman, ideata nel 1933 da due giovani studenti della Glenvile High School di Cleveland, Jerry Siegel e Joe Shuster.

Come tutti voi saprete, Superman, o meglio Kal-El, è un alieno venuto dal lontano pianeta Krypton. A mandarlo da noi fu il padre, Jor-El, nel disperato tentativo di salvarlo dall’imminente distruzione del loro pianeta. Il piccolo Kal-El, all’interno di un’astronave, percorse diversi anni luce ed atterrò nei pressi di Metropolis sotto gli occhi dei coniugi Jonathan e Martha Kent, che erano lì per caso. I due, che vivevano in un piccolo paese, non a caso chiamato Smallville, decisero di adottarlo e lo chiamarono Clark Kent.

Già da subito i genitori adottivi del piccolo si resero conto che qualcosa non andava. Il bambino, infatti, possedeva una forza spaventosa al di fuori del normale. I suoi “poteri” però, non sono frutto di mutazioni genetiche, raggi gamma o esperimenti vari, semplicemente dipendono in parte dal cambiamento gravitazionale dal pianeta Krypton alla Terra (infatti su Krypton la forza di gravità è di gran lunga superiore a quella terrestre) e in parte dal fatto di appartenere ad una razza fisicamente superiore a quella umana. Insomma, su Krypton, Superman non avrebbe nulla di speciale!

Alla morte dei coniugi Kent, L’Uomo di Acciaio decide di trasferirsi a Metropolis, dove da Clark Kent trova un lavoro da giornalista alla Daily Planet, mentre, nei panni di Superman, tenta di trasformare Metropolis in un luogo sicuro, proteggendo la città da qualsiasi minaccia (un po’ come cerca di fare Batman con Gotham, solo che Superman ci riesce meglio ) . Come ogni supereroe che si rispetti, anche Superman ha il suo “supernemico”, Lex Luthor, uno scienziato pazzo che tenterà in tutti i modi di distruggere il nostro invincibile Uomo d’Acciao, ricorrendo all’unica sostanza che può renderlo vulnerabile, la Kryptonite!

Da 75 anni, quindi, dopo essere stato introdotto per la prima volta come un’entità malvagia (il classico cattivo superforte che distrugge automobili, case ed edifici vari), dopo essere morto e risorto, Superman è ancora oggi l’icona indiscussa dei supereroi, pronto a difendere coraggiosamente il mondo da tutte le minacce anche a scapito della sua stessa vita. E per celebrare l’anniversario del suo supereroe più importante (insieme a Batman), la DC ha annunciato nuove pubblicazioni e storie inedite, intanto, per ingannare l’attesa, vi consiglio alcune storie autoconclusive di Superman, alcune uscite parecchio tempo fa’, che personalmente ho apprezzato molto:

  •  All Star Superman di Grant Morrison, Frank Quitely e Jamie Grant (potete approfittare della recente ristampa della Rw Lion di questo mese)
  • Superman : Origini di Geoff Johns, Gary Frank e Jon Sibal
  • Superman per il domani di Brian Azzarello e Jim Lee (che potete recuperare in preparazione al film visto che in entrambi compare il generale Zod)
  • Superman : Red son di Mark Millar, Dave Johnson, Kilian Plunkett, Andrew Robinson
  • Luthor di Brian Azzarello e Lee Bermejo
  • Il matrimonio di Superman

E per finire vi lascio al trailer del nuovo videogioco della DC , Injustice: Gods among us, genere picchiaduro alla Mortal Kombat, dove il nemico principale è Superman e, ovviamente, al nuovo film Man of steel di Zack Snyder, uscito il 20 giugno 2013 al cinema.

Ilaria Gizzi

 

I libri più venduti di questa settimana

Ecco a voi la classifica dei libri più venduti di questa settimana.

Andrea Camilleri con Un covo di vipere e Dan Brown con Inferno rimangono stabili ai primi posti.

Un covo di vipere

1. Un covo di vipere

Andrea Camilleri

Sellerio

€ 14,00

Clicca qui per leggere la trama.

/Inferno/Dan-Brown/ 978880463144

2. Inferno

Dan Brown

Mondadori

€ 25,00

L'uomo che sussurra ai potenti
3. L’uomo che sussurra ai potenti
Paolo Madron, Luigi Bisignani
Chiare Lettere
€ 13,00
La verità sul caso Harry Quebert
4. La verità sul caso Harry Quebert
Dicker Joel
Bompiani
 € 19,50
ZeroZeroZero
Roberto Saviano
Feltrinelli
€18,00
Se vuoi leggere i primi due capitoli del libro, clicca qui!!!!
 Il sogno di volare
6. Il sogno di volare
Carlo Lucarelli
Einaudi
€18,00
Clicca qui per vedere il booktrailer
Io che amo solo te
7. Io che amo solo te
Luca Bianchini
Mondadori
€ 16,00
Joyland
8. Joyland
Stephen King
Sperling & Kupfer
€ 19,99
Clicca qui e scoprirai un’interessante curiosità.
/Il-bambino-segreto/Camilla-Lackberg/ 978883171560
8. Il bambino segreto
Camilla Lackberg
Marsilio
€ 19,00
I ragazzi Burgess
9. I ragazzi Burgess
Elizabeth Strout
Fazi
€ 18,50
Eva. Le vendicatrici
10. Eva. Le vendicatrici
Massimo Carlotto e Marco Videtta
Einaudi
€ 15,00
Clicca qui per vedere il booktrailer
Giulia Gentili

A chat with Lauren Weisberger about new book “Revenge wears Prada”

It’s been a decade now since Lauren Weisberger first published The Devil Wears Prada–a juicy roman à clef about her time working for Anna Wintour that spawned a hit movie in 2006 starring Anne Hathaway as the abused assistant Andy Sachs and Meryl Streep as the Wintour-esque Miranda Priestly.

Well, bad news for Andy: The devil is back.

In Revenge Wears Prada, the sequel to Devil Wears Prada that hit shelves just yesterday, we pick up 10 years after Andy’s infamous eff-you to Priestly and the world of Runwaymagazine. For those of you who enjoy a fluffy chic-lit novel that you can devour in a weekend, this is for you. (Just don’t look for anything more than that.)

We caught up with Weisberger last night at her sold-out book signing, hosted by Gilt City NYC at Bagatelle, to find out what Andy’s been up to, the return of Emily and how her own life has changed since publishing The Devil Wears Prada.

Fashionista: This is your first sequel–what made you want to revisit these characters?
Weisberger: These were my first characters from my first book, and I just started thinking that it’s been a decade. So much happens in ten years, especially in your 20s and 30s, and so much had happened in my own life. So I just started feeling curious about what was going on with Andy and Emily and the whole crew, and it just seemed like the right timing.

The first book was so personal–how much of this book is based on changes in your own life that have happened in the last ten years?
Fewer than the first book, but I think I still pull a lot from my own personal experiences. In the last ten years I got married, I had two kids, I’m still writing. It’s not totally the same for Andy–she’s still writing, she also got married, and I don’t want to give anything away, but motherhood plays a role in this book–not necessarily for Andy! So in that way I definitely pull from my own life. But at the same time it was really fun to invent from scratch the back story of these characters from the past ten years.

Did the success of the movie put any pressure on you while writing a sequel?
I didn’t feel like it put pressure so much as it was just really fun. I had seen the movie more recently than I had read the book–I didn’t go back and read the book again until I started writing the sequel–and I was definitely conflating the two at times. But I didn’t feel more pressure, I just knew that readers had connected to these characters whether it was from the first book or from the movie, and I definitely wanted to stay true to who they were.

People will be dissecting this book for new gossip about the fashion industry–is there still that connection?
This book is definitely less about the fashion industry. Andy is an editor-in-chief of a magazine herself, but it’s a high-end bridal magazine. There’s the celeb-glamour aspect in that she’s going to these exotic, far-flung locations and she’s attending and covering all these celebrity weddings, but there’s much less emphasis on the fashion and more on the writing and the travel. I gave her my fantasy job essentially, and that was the most fun for me to write.

Not to give too much away, but you really put Andy through the ringer in this one! Is it hard for you to do that to characters that you’ve been with for ten years?
No, it’s not. I love them, but I really want to see them developed and I want them to feel realistic. I makes it more interesting to read, I hope it picks up the pace a little. It’s true, I definitely throw a lot of obstacles in her way, and that’s how you see what kind of character she is and how she reacts. Just speaking strictly from a writing standpoint, that was deliberate. And I hope I didn’t make her suffer too much!

“I’m just one stomach flu away from my goal weight.”

Emily plays a bigger role in this book, and I read in an interview that the only person from the movie that you saw in your head while writing the sequel was Emily Blunt. Was it fun to explore Emily more?
Yes! It was really, really fun. It was one of my first ideas–one of the reasons I wanted to write the sequel was because when I was thinking about this whole Runway world, Emily was the best part of it. She was my most favorite character, and I just thought it would be great to reunite [her with Andy]. They’re so different and they can be best friends. And we won’t give too much away, but she’s still Emily! The movie did such a great job with her, and Emily Blunt was so fantastic, she had all the best lines. It’s true–I don’t picture Anne or Meryl, despite the fact that they were so phenomenal, just because I’ve known these characters before the movie, but something about Emily Blunt–I picture her as Emily now, she’s just become Emily.

Did you expect this many people to connect with the book?
I didn’t expect anyone outside my family to read the first book in all honesty. I didn’t think it would be published, I didn’t set out for it to be a book, so when they told me it was being published I assumed that exactly four people were going to read it and they were all going to be in my family. I didn’t expect any of it. So [it’s success] was delightfully surprising. And one of the most fun parts is getting out there. The book tour starts today, and I finally get to meet the readers. You sit in this cave and write all day long covered in spit up, it’s a very solitary profession, so for this super-small amount of time you get to get out there and meet people and hear what they think of your work. I’m really looking forward to that.

It’s been ten years for you since you wrote the first book—what’s been the most exciting thing that’s happened for you in that time?
Oh, by far, meeting the greatest guy ever and getting married, and we have two babies together. That’s phenomenal. You know, all the book stuff is great, but it can’t compare to that.

Click here to read the first chapter!!

Source: Fashionista

Giulia Gentili