L’infinita crisi delle librerie: anche Feltrinelli attiverà contratti di solidarietà

La crisi economica in un certo senso è democratica: colpisce tutti, senza distinzioni. Ma quando ad essere colpite sono le librerie la società civile è doppiamente presa di mira. Le notizie di questi giorni sono francamente sconfortanti e continuano un trend negativo che, da gennaio ad oggi, ha portato alla chiusura numerose librerie. Dopo la chiusura, lo scorso 23 febbraio, della storica Old World Books di Venezia, gestita dal poeta John Francis Phillimore altre due librerie della laguna minacciano di dover tirare i remi in barca: sono la Libreria Blu, specializzata in libri per bambini, che chiuderà i battenti i prossimo 19 aprile e la Libreria Goldoni che ha annunciato la cessazione dell’attività o la vendita entro Natale.

La crisi degli esercizi librari però non si ferma a Venezia e non si limita alle cosiddette librerie indipendenti: anche la Feltrinelli, storica catena di negozi di libri e musica che conta oltre 100 punti vendita in Italia, ha comunicato l’intenzione di ridurre i costi del personale attivando i «contratti di solidarietà», formule volte a ridurre l’orario di lavoro a fronte di un taglio degli stipendi. Questa misura, che per ora si riduce a una semplice dichiarazione, pare tuttavia che entrerà in vigore già dal mese prossimo. E allora che fare?
Da questi sconfortanti eventi emerge senz’altro la necessità, da parte di tutti noi, di attivarci e fare qualcosa per preservare i luoghi di commercio destinati alla cultura. Perché se è vero che la crisi è senz’altro la causa primaria delle difficoltà delle librerie, ad essa contribuiscono molti altri fattori, primo tra tutti una mancanza di sensibilità verso le peculiarità del libro come «prodotto» dalla duplice anima, commerciale e culturale, nonché l’annoso problema del caro affitti e della sottocapitalizzazione di molte librerie indipendenti e di catena.
Di fronte a quest’ultima problematica tuttavia, alcuni spunti interessanti ci vengono dall’estero. A Londra la storica libreria Foyles, si prepara a festeggiare, in agosto, i suoi 110 anni di storia e, grazie all’aiuto dei propri clienti, sta organizzando una mostra che unirà in un unico grande «racconto» le storie frequentatori di Foyles con «la» storia della libreria. Ancora più rilevante però è che, in questa occasione di celebrazione del passato, il punto vendita si pone il problema del futuro e stia affrontando un’opera collettiva di ripensamento delle proprie logiche e dei propri spazi con l’obiettivo di cambiare per sopravvivere al cambiamento. La libreria ha infatti unito le forze con «The Bookseller», una delle riviste di settore più importanti del mondo anglosassone, per coinvolgere clienti e addetti ai lavori nel ripensamento del nuovo negozio, probabilmente l’ultima libreria di grandi dimensioni costruita nel Regno Unito, i cui lavori di «ristrutturazione» inizieranno nel 2014.

Fonte: Giornale della libreria

Giulia Gentili

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...