Recensione: The Hunger Games

Autore Suzanne Collins
Titolo originale The Hunger Games
Anno di pubblicazione 2008
Genere Romanzo distopico YA
Lingua originale Inglese

Hunger_Games_Suzanne_Collins-200x308

The Hunger Games, scritto da Suzanne Collins, è il primo libro di una trilogia distopica YA (Young Adult).  Il romanzo è ambientato in un futuro post-apocalittico in una nazione chiamata Panem, sorta sulle ceneri del Nord America, formata da 13 distretti (il 13° ormai distrutto) e un governo centrale, Capitol City. Ogni anno per punire la popolazione per le ribellioni del passato, vengono organizzati gli Hunger Games. In ogni distretto vengono scelti un ragazzo e una ragazza di età compresa tra i dodici e i diciotto anni. Questi ventiquattro giovani saranno i “tributi”, ovvero coloro che entreranno nell’Arena, un’area all’aperto appositamente progettata, dove combatteranno fino alla morte. Solo uno di loro potrà sopravvivere.

Il giorno dell’estrazione della settantaquattresima edizione dei Giochi, nel Distretto 12, vengono estratti i nomi di Peeta Mellark, il figlio del fornaio, e di Primrose Everdeen. E’ allora che Katniss, la sorella maggiore di Prim, fa un passo avanti e si offre volontaria per prendere il suo posto. In quel momento sa benissimo di aver appena firmato la sua condanna a morte, le possibilità di vittoria per un membro del Distretto 12, quello dei minatori, sono bassissime. Katniss però decide di fare di tutto pur di tornare a casa dalla sua famiglia, sua sorella e sua madre, e dall’amico d’infanzia, Gale. Al contrario, Peeta, rendendosi conto di avere poche chances, preferisce fare le cose a modo suo, mantenendo integri i propri sentimenti ed ideali. Durante l’intervista che precede l’inizio dei Giochi, Peeta dichiara di amare Katniss. Ma una volta nell’Arena, non c’è spazio per l’amore e l’amicizia, per vincere bisogna dimenticare tutto, mettere da parte la propria umanità. Per Katniss questo si rivelerà impossibile.

Il romanzo è scorrevole e avvicente. La narrazione in prima persona dal punto di vista di Katniss rende l’esperienza ancora più vivida. Katniss è un’eroina a tutti gli effetti, una sopravvissuta, che non ha bisogno che qualcuno la salvi; è indipendente, coraggiosa e letale, la sua abilità con l’arco è eccezionale, anche se è ruvida e poco avvezza a fidarsi degli altri. Invece Peeta è un ragazzo buono, dolce ma furbo, il cui candore spicca nel mondo caotico e crudele degli Hunger Games. La trama è originale e mai banale, offre diversi spunti di riflessione: sull’importanza dell’amore e dell’amicizia, della libertà e della ribellione ma anche sulla nostra umanità. E’ un libro di qualità, capace di tenere il lettore incollato ad una sedia per ore senza mai annoiare. Una volta arrivati all’ultima pagina si corre subito a comprare il secondo libro, La ragazza di fuoco. Bè che dire, “Felici Hunger Games e possa la fortuna essere sempre a vostro favore!”

VOTO: 5/5

E voi cosa ne pensate? Commentate!

Francesca Ciccaglione

Annunci

Un pensiero su “Recensione: The Hunger Games

  1. Fantastico!!! Grazie mille ragazze! Mi attira proprio, soprattutto perché scritto in prima persona. Sono del parere che la narrazione in questo modo dia decisamente un tocco in più al libro. Non vedo l’ora di leggerlo 🙂 Se Ilaria potrebbe prendermi il cofanetto da Amazon sarebbe bellissimo, altrimenti non so quanto riuscirò ad aspettare e me lo comprerei subito ahahah Un bacio!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...